Martinucci: il pistacchio ci dice se sei buono a Bari

Se il gelato è buono lo riconosci dal pistacchio e dalla nocciola. Cioè, dal pistacchio.

Poche parole, ma da quando un caro amico le ha pronunciate in un torrido pomeriggio di un paio di anni fa, la nostra vita è cambiata.

Bando ai colori, agli arditi abbinamenti di gusti o al fiero tradizionalismo fragolaelimone. In qualunque bar o gelateria si andasse, una era la cosa da fare: provare il pistacchio.

E siamo fieri di annunciarlo, Bari ha finalmente una medaglia d’argento per quel che riguarda il miglior gelato al pistacchio della città. Un secondo posto meritatissimo (ci dispiace c’è un primo che per noi è ancora inarrivabile, ve ne parleremo tra qualche tempo…) per la gelateria Martinucci, aperta da un paio di mesi (se non andiamo errati) nel cuore della movida barese, a cavallo tra piazza Ferrarese e piazza Mercantile.

Ce ne avevano parlato in tanti (bravi, il buon vecchio passaparola vi sta portando bene), ed era ora di provarlo.
Ci scusiamo immediatamente per le foto, ma immaginate la fatica di scattare con una mano, tenendo con l’altra uno degli alimenti più ostici del mondo da gestire.

L’accoglienza, malgrado il tardo orario di un Sabato notte è molto buona, sorrisi che fan piacere e sono un buon preludio per una buona esperienza.
Sì, ma ora cacciate fuori il pistacchio, basta sorrisi!
Un cono piccolo, con panna, pistacchio e cannolo siciliano, 2,20€ ottimo prezzo, e ci sono anche gusti per intolleranti alimentari.

-“Ci vuole il cioccolato al latte o fondente?”
-“Ma che è sorda?” -pensiamo noi ingenui. “Emh… No pistacchio e cannol…”

STUPORE: ci vuole riempire il cono di cioccolato da un rubinetto fantastico alle sue spalle… Fingiamo di aver già visto la cosa  in giro, per non apparire novellini della questione, e decidiamo per quello al latte.

Il gelato è nella nostra mano, un paio di foto e via. Il giudizio è davvero positivo. Il pistacchio è molto buono, ma è il secondo gusto che li frega. La prima volta il cannolo siciliano, e la seconda volta la crema: niente di che.
La cialda è poi nuovamente ottima, di una croccantezza mai provata. Attenzione a non romperla prima di arrivare al culo, ricordate che c’è cioccolata dentro!

Nel complesso dunque un’esperienza davvero buona, che ci sentiamo di consigliare. Il locale è bello sbrilluccicoso e la gestione ha alle spalle l’esperienza di gelaterie nelle maggiori località turistiche del Salento.
Insomma un mezzo Grom in salsa pugliese, con gelato dichiaratamente artigianale, sistema di distribuzione delle miscele centralizzato, anche se mancano un paio di parole sulla provenienza degli ingredienti, e questo non è bene.
Il prezzo è in linea con la media barese, all’interno troverete anche altre specialità salentine, che, non fate i campanilisti…
Vi piacciono assai!

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Martinucci: il pistacchio ci dice se sei buono a Bari

  1. Pingback: Antica Gelateria Gentile: dove il pistacchio diventa orgasmo | Bari Food Experience

  2. Pingback: Una buona e l’altra no! Sandrino e Re Vittorio. | Bari Food Experience

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...